Villaggio Don Musso

 

Il Villaggio Don Musso è stato creato per istruire le persone del luogo per migliorare le loro condizioni di vita senza dover emigrare.


Perché è nato

Don Musso, ascoltando in un suo viaggio in Africa il capo villaggio di Taiso e Don Italo Spagnolo appartenente anch’esso all’Ordine dei Salesiani, si rese conto che la gente del luogo aveva moltissime necessità ma che l’assenza di scuole e di conseguenza di istruzione erano la causa principale dell’arretratezza e della povertà della stessa. Nacque in lui l’idea di dare la possibilità alla gente di Thaiso e dei villaggi vicini di vivere nella loro terra mettendo a frutto le risorse del territorio con un progetto educativo molto impegnativo ma nel contempo fortemente innovativo.

ISTRUIRE LE PERSONE NEL LUOGO DOVE VIVONO E POSSANO COSI' TROVARE E USARE LE RISORSE LOCALI PER POTERE CONTINUARE A VIVERE DOVE SONO NATE SENZA DOVERE FORZATAMENTE EMIGRARE.

Come è stato concepito

Si è pensato di creare una struttura polivalente che ospitasse i bambini dall’asilo alla scuola media. Costruendo gli edifici necessari completi di quegli impianti indispensabili all’operatività del centro.

Come è stato realizzato

In 7 anni il Villaggio ha visto la sua ultimazione ed è composto dai seguenti fabbricati e servizi

Fabbricati

Asilo nido
Scuola elementare
Scuola media
Sala polivalente
Alloggi insegnanti
Ospedalino

Servizi

Pozzo
Torre acqua
Pannelli solari
Gruppo elettrogeno
Recinzione dell’intero villaggio


 

Organizzazione e gestione

Il villaggio è organizzato da un Direttore Generale Daniel Adana, coadiuvato dal corpo insegnante composto da 27 maestri mossi dai seguenti obbiettivi:
miglioramento dell’istruzione in generale


educazione civile
educazione all'igiene
educazione sessuale.